Caratteristiche e Prestazioni del Motore Suzuki H27A: Specifiche e Olio

Il motore V6 Suzuki H27A da 2,7 litri è stato prodotto negli stabilimenti dell’azienda dal 2000 al 2008 ed è stato installato sui suoi modelli più grandi: il Grand Vitara XL-7 e la versione americana del Grand Vitara 2. C’erano due modifiche di questa unità: con un sistema VVT da 185 CV e senza di esso a 173 CV. È importante sottolineare che i motori della serie H includono H20A, H25A e H27A.Nel 2000, è apparso il rappresentante più potente della famiglia di motori H con una cilindrata di 2,7 litri, creato appositamente per la versione a sette posti del Suzuki Grand Vitara con l’indice XL-7. La sua progettazione è simile ad altri motori della linea: ha un’iniezione di carburante distribuita, un blocco in alluminio con manicotti in ghisa e un angolo di inclinazione di 60° tipico per un V6, due teste cilindriche DOHC in alluminio con compensatori idraulici e un complesso azionamento della distribuzione delle loro tre catene.

Nel 2005, il motore è stato aggiornato per l’installazione sulla versione americana del Grand Vitara 2 e, grazie al sistema di controllo della fase sugli alberi di aspirazione, la sua potenza è aumentata da 173 a 185 CV.

Specifiche

Anni di produzione 2000-2008
Spostamento, cc 2736
Sistema di alimentazione carburante iniezione distribuita
Potenza erogata, cv 173-185
Coppia erogata, Nm 231-250
Blocco cilindri alluminio V6
Testa di blocco alluminio 24v
Alesaggio cilindro, mm 88
Corsa pistone, mm 75
Rapporto di compressione 9.5
Sollevatori idraulici
Unità di temporizzazione Catena
Turbocompressore NO
Olio motore consigliato 5W-30, 5W-40
Capacità olio motore, litri 5.5
Tipo di carburante benzina
Norme europee EURO 3/4
Consumo di carburante, L/100 km (per Suzuki Grand Vitara XL-7 2002)
— città
– autostrada
– combinato
13.8
9.1
10.8
Durata del motore, km ~400 000

Il motore è stato installato su:

  • Suzuki Grand Vitara XL-7 I (TX) nel 2000-2006;
  • Suzuki Grand Vitara I (JT) nel 2005-2008.

Svantaggi del motore Suzuki H27A

  • L’azionamento della distribuzione complesso e non molto affidabile di questo motore è composto da tre catene e tre tenditori idraulici contemporaneamente, che sono esigenti sulla qualità e sulla programmazione della sostituzione dell’olio. E i tentativi di risparmiare sulla manutenzione porteranno a un blocco del tenditore e a un salto della catena.
  • Avvicinandosi ai 150.000 km di percorrenza, spesso appare già il consumo di lubrificante e aumenta gradualmente. Il principale colpevole del consumo eccessivo di olio non è l’usura degli anelli o dei cappucci, ma l’intasamento del labirinto d’olio dei coperchi delle valvole, che qui fungono da parte della ventilazione del carter.
  • Le frequenti perdite d’olio disturbano così tanto i proprietari che dovrebbero essere scritte separatamente. Il lubrificante di solito sale attraverso le guarnizioni dell’albero motore o dal coperchio anteriore del motore, e anche attraverso le guarnizioni del canale d’olio all’incrocio del blocco con il letto dell’albero motore e il carter.
  • I punti deboli del motore includono un sensore di flusso d’aria di massa non molto affidabile e una valvola EGR, si intasa rapidamente e il suo tubo di alimentazione spesso scoppia.
pt_PT_ao90Portuguese